The Golden Goose Running

Oltre all di presentare le proprie collezioni in occasione della London Fashion Week Men e della London Fashion Week i primi a giugno e i secondi a settembre i vincitori riceveranno tempo e supporto finanziario e formativo per la creazione delle proprie attivita. Ma non solo. A ogni designer NEWGEN sara temporaneamente offerto uno spazio personale nei Designer Showrooms presso gli Store Studios dove esporre la propria collezione dopo lo show.

The first chapter I present a short review of the evolution of stars up to the phase and the main events that are typical of that stage of evolution. The second chapter the topic of dust driven stellar winds is introduced a general point of view through the analysis of the fundamental mechanisms the base of wind formation. Finally, in the third chapter I discuss problem of driving a dusty wind in an M type star.

Short called two of his shanties Bulgine Run this capstan shanty is better known as Run, Let the Bulgine Run to distinguish it from Clear the Track, Let the Bulgine Run also known as Liza Lee. Short gave this to Sharp as a capstan shanty although, given the elaborate second shantyman’s line, its structure is that of a halyards song. (tratto da qui).

Sembra che i marinai preferissero i vini bianchi a quelli rossi che chiamavano spregiativamente black strap (melassa). Essere destinati in Mediterraneo, dove si imbarcava il vino, era detto to be blackstrapped. Nelle Indie occidentali, invece, abbondava il rum..

Los Angeles. Mia sogna di poter recitare ma intanto, mentre passa da un provino all’altro, serve caffè e cappuccini alle star. Sebastian è un musicista jazz che si guadagna da vivere suonando nei piano bar in cui nessuno si interessa a ciò che propone.

Tra di loro si considerano reciprocamente alla stregua di “vacui cartoon umani”. Sono un campionario delle più disparate eccentricità pop partorite dalla sottocultura di massa degli anni ’80 e ’90, e condividono in sei un bizzarro habitat cubicolare, affettuosamente ribattezzato jpod in onore dell’iniziale dei loro cognomi, in seno a una mega multinazionale canadese. La loro sfida più grande consiste nel mantenere la loro integrità di beati eletti nell’universo dei geek da battaglia, e soprattutto in quell'”avere un lavoro senza lavorare”, obiettivo davvero arduo da raggiungere all’interno di una compagnia “in cui la produttività viene misurata con ogni sistema metrico mai concepito dall’uomo”.

Più attivi e organizzati corsari musulmani furono quelli con base nelle città costiere del Maghreb, soprattutto Algeri, Tunisi e Tripoli. Con i loro entroterra, queste città costituivano degli stati corsari pressoché indipendenti dal lontano potere dei sultani di Istanbul. La pirateria contro i cristiani era una lucrosa attività (da non dimenticare il commercio o il riscatto degli schiavi catturati) perfettamente legale, spesso incoraggiata dagli stessi sultani ottomani, specialmente quando questi erano in guerra contro paesi cristiani.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento